domenica 15 dicembre 2019
In primo piano

Riferimenti normativi nel settore delle bonifiche e delle indagini preliminari.

Gallerie di immagini relative alle tecniche di:
» campionamento mediante sondaggi
»campionamento in trincee.


Bonifiche e indagini preliminari - Riferimenti normativi Riduci

Dal punto di vista normativo le problematiche relative ai fenomeni di inquinamento sono inquadrabili in un ambito legislativo delimitato dal D.Lgs. n° 22 del 5 febbraio 1997 (Decreto Ronchi), relativo all'Attuazione delle direttive 91/156/CE sui rifiuti, 91/689/CE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e rifiuti di imballaggio, specificatamente all’Art. 17 (Bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati), dal D.M. n° 471 del 25 ottobre 1999, relativo al Regolamento recante criteri, procedure e modalità per la messa in sicurezza, bonifica ed il ripristino ambientale dei siti inquinati, ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n° 22 e successive modificazioni ed integrazioni, e dall’attuale Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientalepubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006 - Supplemento Ordinario n. 96, nonché dalla Delibera Giunta Regionale n° 2922 del 03/10/2003, relativa alla Definizione delle linee guida per il campionamento e l’analisi dei campioni dei siti inquinati. Protocollo operativo.

Ad integrazione del panorama normativo si citano inoltre il D. Lgs n° 389 del 8 novembre 1998 (Ronchi bis) e la Legge n° 426 del 9 dicembre 1998 (Nuovi interventi in campo ambientale). A titolo indicativo si cita l'art. 1 del D.M. 471/99 che individuando il campo di applicazione del regolamento, stabilisce innanzitutto:

  • i limiti di accettabilità della contaminazione dei suoli, delle acque superficiali e delle acque sotterranee in relazione alla specifica destinazione d'uso dei siti;
  • le procedure di riferimento per il prelievo dei campioni;
  • i criteri generali per la messa in sicurezza, la bonifica ed il ripristino dei siti inquinati, nonché per la redazione dei relativi progetti.

L'Allegato 2 del D.M.A. 471/99, relativo alle Procedure di riferimento per il prelievo e l'analisi dei campioni fornisce le seguenti indicazioni circa il numero dei punti di prelievo di sottosuolo a maglia regolare in funzione dell'estensione dell'area:

< 10.000 mq almeno 5 punti
10.000 - 50.000 mq da 5 a 15 punti
50.000 - 250.000 mq da 15 a 60 punti
250.000 - 500.000 mq da 60 a 120 punti
> 500.000 mq almeno 2 punti ogni 10.000 mq

Tali indicazioni circa il numero e la disposizione dei punti di prova possono comunque variare in funzione delle condizioni logistiche e dell'effettiva presenza di inquinanti nel sottosuolo.

Stampa  

Campionamento mediante sondaggi - Galleria di immagini Riduci
Campionamento mediante sondaggi
Campionamento mediante sondaggi
Campionamento mediante sondaggi
Campionamento mediante sondaggi
Campionamento mediante sondaggi
Campionamento mediante sondaggi
Campionamento mediante sondaggi
Campionamento mediante sondaggi
Stampa  

Campionamento in trincee - Galleria di immagini Riduci
Campionamento in trincee
Campionamento in trincee
Campionamento in trincee
Campionamento in trincee
Stampa  

Dr. Umberto Pivetta - Geologo | Piazza della Libertà, 37 | 36057 Altavilla Vic.na (VI) | Tel./Fax: 0444 340136 - E-mail: pivetta@geologos.it

Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso
Dr. Umberto Pivetta - Geologo - Vicenza - P.ta IVA 01737790244